Equipe medica d’eccellenza per la pittrice Ester Campese in Arte Campey

Un ennesimo riscontro per il Dott. Giovanni Di Giacomo, specialista e chirurgo ortopedico, attualmente responsabile del reparto di Ortopedia e traumatologia della spalla ginocchio e gomito al Concordia Hospital che in questa circostanza ha curato la nota pittrice Ester Campese in arte Campey affetta da una problematica alla spalla.

Ester Campese e il Dott. Giovanni Di Giacomo

Ester Campese ed il Dott. Giovanni Di Giacomo

Il dott. Di Giacomo è noto anche come il medico dei campioni di tennis. E’ stato infatti per ben tredici anni consecutivi l’assistenza medica della tappa romana del prestigioso circuito internazionale d’Italia di tennis professionistico.

Ester Campese è stata coadiuvata anche da una equipe di eccellenti medici fisioterapisti ed osteopati tra cui il Dott Fabrizio Lombardo, fisioterapista ed osteopata che l’ha curata fin dalle prime battute.

Dott Lomb ardo

Dott Fabrizio Lombardo

 

Anche il Dottor Danilo Mercurio l’ha seguita come osteopata direttamente presso il suo studio medico, applicando le tecniche osteopatiche non solo per la spalla, ma nel ristabilire funzionalità ed equilibrio dell’intero organismo,

dott-danilo-mercurio

Dott Danilo Mercurio

 

nonchè dalle Dottoresse Mariacivita Sepe, fisioterapista ed osteopata e recentemente anche docente presso la META Osteopatia di Roma

la pittrice Ester Campese e la Dott.ssa Maria Civita Sepe
Campey e la Dott.ssa Mariacivita Sepe

e la dott.ssa Martina Bresciani laureata in scienze motorie e sportive che l’ha allenata in piscina con le tecniche di idrochinesi.

La pittrice Ester Campese e la Dott.sssa Martina Bresciani

Ester Campese e la Dott.ssa Martina Bresciani

 

Entrambe le dottoresse seguono diversi dei pazienti del dott. Di Giacomo da più di 8 anni.

Tutti questi eccellenti medici hanno permesso a Campey, seguendola con cura nel suo percorso di riabilitazione, di tener fede ai tanti momenti artici che l’anno vista intensamente impegnata nel corso della seconda metà dell’anno 2016. Ester Campese dedica un pensiero affettuoso avendo, per sua stessa ammissione, non solo incontrato degli specialisti preparati, ma anche persone di notevole spessore umano che l’anno fatta sentire a suo agio in questa occorsa problematica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.